Respect

Respect

Tutto è nelle loro mani. Chi pratica un mestiere particolare come il pilota, deve avere tutto sotto controllo. Persone che hanno una tale fiducia in se stessi fuori dal comune, che li porta a compiere quando gli altri si bloccano con un “no, non lo faccio”. Un uomo insicuro è un uomo che rischia di più, a prescindere dalla prestazione assoluta. Se non si crede in se stessi, meglio lasciar stare. Qualche tempo fa nel forum, un utente scherzando scrisse che nella sua testa Max Biaggi è ancora convinto che in MotoGP sia in grado di fare a polpette tutti gli avversari.

Ora, il 98% delle persone sa che è un’eventualità fuori da ogni logica, e forse Max stesso manco si pone il dubbio, ma è un chiaro esempio di come possa (ipoteticamente) ragionare la testa di un pilota: un modo completamente fuori da ogni schema logico e razionale. Uno spirito  alimentato dalla fame di successi, condito con tanta volontà e sacrifici, ripagati poi con soddisfazioni e valanghe di adrenalina.  Motivazioni fuori dal comune, in grado di smuovere montagne con la sola forza del pensiero, che li spingono la dove riescono in pochissimi. It’s all in your head. Uno spirito completamente impossibile da domare, che ti guida oltre l’immaginabile, anche quando la vita ti gira la faccia, regalandoti brutte sorprese che sono delle mazzate incredibili, dolorose tanto nel fisico quanto nella testa. Persone che non si arrendono dopo esser stati in visita nell’inferno, ritornando invece in forma come non mai. O anche chi si è ritrovato fin dalla nascita in una situazione svantaggiata, in cui tantissimi non ci avrebbero neanche tentato. Aaron Fotheringham non si è arreso davanti ai suoi problemi.




Nato con una malformazione alla spina dorsale che l’ha privato dell’uso delle gambe, Aaron non si è mai dato per vinto, diventando un funambolo della wheeliechair. Dove i suoi coetanei si presentano con BMX e skate, Aaron è lì con la sua carrozzina a regalare uno show da lasciare a bocca aperta. Poche chicchere, ci vogliono due palle grandi come una casa per arrivare a fare numeri del genere.



Aaron “Wheeelz” è riuscito a chiudere anche un doppio backflip e pure un frontflip. A soli venti anni, ha già lasciato un segno indelebile, diventando ambasciatore di chi come lui non si trova in una situazione fortunata e non si è mai fermato di combattere.


Anche Alex Zanardi un simbolo di tenacia per chi non si è mai arreso; durante una gara di CART al Lausizring, rimase vittima di un bruttissimo incidente, perdendo gli arti inferiori dalle ginocchia in giù. Situazione drammatica, le gambe sono state in pratica amputate dall'impatto con un'altra auto.  Alex però non si arrese, e con una tenacia e volontà fuori dal comune, riprese a correre con le auto, questa volta nel Turismo, grazie anche a delle protesi speciali.



Non pago, è anche riuscito a girare in moto, a bordo di una HP2 della BMW


Il mitico Giò di Pillo, voce storica per gli appassionati di motori italiani, era li, con lui. Claudio Costa, uno che se si riesce a cogliere il suo modo di parlare (a dir poco unico) è in grado di far piangere anche l’anima più impietrita del mondo, lo nomina spesso come esempio di tenacia. Il suo terzo libro è tutto dedicato a lui.


Volevo fare un doppio che nessuno aveva mai pensato di chiudere. È stato un caso di troppa confidenza



Correvano gli anni ’80 e David Bailey, a suon di spallate e numeri da funambolo, diventò il campione da battere nell’AMA Supercros. Nessuno era in grado di guidare come lui, ancora oggi c’è chi rimase impressionato a tal punto da definirlo il migliore di sempre. Un’ascesa che sembrava infinita. Almeno fino a poco prima della stagione del 1987: un salto andato a finire male mise cambiò tutto, costringendolo in una sedia a rotelle. Paralisi degli arti inferiori. Fine di una carriera gloriosa, la vita di una stella completamente da ricostruire. Nonostante tutto, Il fuoco dell’agonismo e la voglia di sfidarsi è ancora viva come non mai. Bailey si dedicò al triathlon, divenendo campione nella sua sezione nei campionati delle Hawaii nel 2000. È tuttora commentatore per le gare di supercross per la ESPN.


Tutte persone che han reagito alla grande, con una carriera del pre e del post sotto la luce dei riflettori, esempi di tenacia e volontà come non mai. Caratteri temprati come forse neanche loro stessi credevano fosse possibile. Non vi sono solo loro, però. C’è anche chi, nell'ombra più assoluta, trovandosi in situazioni simili, reagisce comunque alla grande, con una forza mentale tale da essere fonte d’ispirazione per tantissime persone, e non solo disabili. Tempo fa m’imbattei per puro caso in questa foto



Si tratta di Alan Kempster, 49enne australiano vittima di un bruttissimo incidente stradale, in cui un camionista ubriaco lo investi mentre era a bordo della Honda VFR. Perse braccio e gamba destri, si salvò per miracolo. E nonostante tutto, ritornò in sella



Ragazzi, qui siamo ben lontani dai riflettori dei media. Alan gira in pista con una Kawasaki ZXR400 debitamente modificata, senza un braccio e una gamba, con la scritta nelle carene esplicita di sponsor. La sua moto porta un ironico ½ stampato nelle tabelle porta numero, e anche altri adesivi sparsi qua e la riescono a strappare un sorriso. E una volta in sella, Alan riesce a tirare pieghe da paura, che molti amatori manco si sognano, di fare. Non si finisce mai di imparare, eh? A volte, per trovare una nuova fonte d’ispirazione, bisogna cercare la dove si vive in modo completamente diverso…





comments powered by Disqus

Altri commenti

MilleTondo

eh si il potere della vita. respect sempre

dalle mie parti si dice (non so se riusciro a esprimerlo esatamente in it.)
"(il male) cade al legno e lo bruccio, cade al sasso e lo spacco, cade al ferro e lo sciolse, cade al uomo e l'uomo resiste."

Inserito: 26 aprile 2012
tommy636

Bellssimo articolo..complimenti..!!!
Abbiamo solo da imparare da queste persone..
Mille....si capisce benissimo...ciao

Inserito: 26 aprile 2012
cervogia

si chiarissimo Milletondo.. davvero azzeccata :))

Grazie per i complimenti!!! Al solito mi son accorto di certi errori dopo la pubblicazione.. spero cmq che il mio pensiero sia arrivato :)

Inserito: 26 aprile 2012
lutherblissett

Sono storie che riescono a trasmetterti tanto.

Inserito: 27 aprile 2012
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Pensieri a Sfondo Motociclistico


Articoli più letti

Articoli precedenti su MotoCorse.com

CIV e Trofeo Yamaha a Monza: dal 26 al 29 aprile

CIV e Trofeo Yamaha a Monza: dal 26 al 29 aprile
in Campionati e trofei nazionali

LE PIOGGERELLEN DI ASSEN

LE PIOGGERELLEN DI ASSEN
in Il blog di desmoskull

Rossi: a Jerez avremo una base di partenza

Rossi: a Jerez avremo una base di partenza
in Motomondiale